Misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus - Comune di San Mauro Pascoli (FC)

archivio notizie - Comune di San Mauro Pascoli (FC)

Misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus

 

Tutti gli aggiornamenti

Circolare di chiarimento del 24 marzo.

 

- è consentito uscire dal proprio comune per andare a fare la spesa, in caso il punto vendita sia più vicino e/o accessibile alla propria abitazione. 

 
 

Circolare DPCM 22/03/2020

 

 

Aggiornamento del 23 marzo

 

-Sospensione di tutte le attività produttive industriali e commerciali non previste nell'allegato 1 del decreto.

 

- Divieto di spostarsi, con mezzi pubblici o privati, dal comune in cui ci si trova se non per comprovate esigenze lavorative o emergenze mediche.

 

- Produzione e trasporto di farmaci e beni di prima necessità, sempre garantiti.

 

- Consentite, previa comunicazione al Prefetto della propria Provincia, le attività di:

1)   Impianti a ciclo produttivo continuo dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o rischio di incidenti. Per poter continuare la propria attività dovrà però essere fatta .

2)   Industria aerospaziale, difesa e di rilevanza strategica per l'economia nazionale.

3)   Servizi di pubblica utilità e servizi essenziali (legge 12 giugno 1990, n 146).

4)   Attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività dell'allegato 1.

Il prefetto potrà sospendere le attività in caso ritenga che l'attività non rientri in questo elenco.

 

- Le attività sospese potranno continuare, se possibile, il proprio lavoro in modalità  agile.

 

- Le attività sospese sono chiamate ad adeguarsi entro il 25 marzo. Potranno quindi svolgere le attività necessarie alla sospensione nelle giornate di oggi e domani.

 

DPCM 22 marzo 2020

 

Aggiornamneto del 21 marzo

 

 

Divieto di spostarsi in abitazioni diverse dalla principale nei giorni festivi, prefestivi ed in quelli precedenti/successivi.

 

Ordinanza Ministero della Salute del 20/03/2020

 

- Chiusura al pubblico cimiteri.

- Sospensione di tutti i mercati ordinari e straordinari, compresi quelli  alimentari.

 

Ordinanza Regionale del 21/03/2020

 

Aggiornamento del 18 marzo

 

1. Chiusura parchi e giardini pubblici.

2. Spostamento a piedi o in bicicletta concesso solo per questioni di salute, lavoro o necessità. Non sarà quindi più ammesso uscire per una passeggiata se non per motivi di salute.

3. Permesso portare fuori il cane, ma solo in prossimità della propria abitazione e unicamente per il tempo necessario a svolgere le esigenze fisiologiche.

4. Chiusura esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento ubicate nei tratti stradali che attraversano i centri abitati.

 

Ordinanza Regionale del 18/03/2020

 

 

Aggiornamento del 17 marzo

 

Decreto Legge nr. 18 del 17/03/2020

 

 

Aggiornamento dell'12 marzo

 

Aggiornamento Coronavirus- Decreto del Presidente del Consiglio dell'11 marzo

 
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha emesso un nuovo Decreto in vigore da oggi 12 marzo, fino al 25 marzo. 
 
Ecco le nuove misure:
  1. SOSPESE le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie.

  2. SOSPESE le attività dei servizi di ristorazione ad esclusione delle mense e del catering che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

  3. CONSENTITA la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.

  4. APERTI gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande nelle aree di servizio e rifornimento carburante.

  5. SOSPESE le attività inerenti i servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti).

  6. GARANTITI i servizi bancari, finanziari, assicurativi.

  7. CONTINUA l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

  8. GARANTITO il servizio della Pubblica Amministrazione.

  9. RACCOMANDAZIONI per attività produttive e alle attività professionali: massimo utilizzo di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza, incentivo alle ferie e i congedi retribuiti, sospensione attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione, assinzione protocolli anti-contagio e sanificazione dei luoghi di lavoro.

11) CONSIGLIATO per tutte le attività, l'utilizzo del lavoro agile.

 

Aggiornamento dell'11 marzo

 

Aggiornamento Coronavirus - Ordinanza Regionale 10 marzo 2020

 

Il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha emesso una nuova  ordinanza in vigore da oggi 11 marzo, fino al 3 aprile.


Ecco le nuove misure:

⤵️

 Gli ORARI RIDOTTI per bar e ristoranti ora si estendono a tutte le attività che prevedono l’ASPORTO (pizzerie, piadinerie, rosticcerie, gelaterie,pasticcerie). I locali che effettuano questo servizio potranno svolgere la propria attività dalle 6 alle 18 nei giorni feriali e dovranno osservare la CHIUSURA GIORNALIERA durante i festivi e prefestivi (sabato e domenica);

 

 Le attività di RISTORAZIONE ed i BAR dovranno osservare la CHIUSURA GIORNALIERA durante i festivi e prefestivi (sabato e domenica).

 

 Resta CONSENTITA la CONSEGNA A DOMICILIO, evitando però che al momento della consegna vi siano contatti personali;

 

 Le limitazioni dell'articolo 1 del D.P.C.M. NON si applicano ai servizi di ristorazione erogati all’ interno di strutture ricettive.

 

 SOSPESI i MERCATI ordinari e straordinari, ad eccezione dei mercati esclusivamente alimentari.

 

 

Aggiornamento del 10 marzo

 

Decreto del Governo IN VIGORE DA MARTEDÌ 10 MARZO, A VENERDÌ 3 APRILE contenente le misure di prevenzione e contrasto della diffusione del Coronavirus.

 

SPOSTAMENTI

- VIETATA ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico

- Sono consentiti gli spostamenti solo per ESIGENZE LAVORATIVE O SITUAZIONI DI NECESSITÀ O SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza

- ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) è FORTEMENTE RACCOMANDATO DI RIMANERE PRESSO IL PROPRIO DOMICILIO e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante

- DIVIETO assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della QUARANTENA ovvero risultati positivi al virus

EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE

- sono SOSPESI gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.


 

MANIFESTAZIONI ED EVENTI

- sono SOSPESE tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, ad esempio, GRANDI EVENTI, CINEMA, TEATRI, PUB, SCUOLE DI BALLO, SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE E SALE BINGO, DISCOTECHE E LOCALI ASSIMILATI; nei predetti luoghi è sospesa ogni attività.

 

    NIDI, SCUOLE E UNIVERSITÀ

    sono SOSPESI I SERVIZI EDUCATIVI per l'infanzia e le ATTIVITA' DIDATTICHE in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle ATTIVITA' DIDATTICHE e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, nonché i corsi professionali e le attività formative svolte da altri enti pubblici, anche territoriali e locali e da soggetti privati, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza.


       

      LUOGHI DI CULTO, CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE

      - l'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tali da garantire ai frequentatori il rispetto della distanza tra loro di almeno un metro. SONO SOSPESE LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE, IVI COMPRESE QUELLE FUNEBRI

      MUSEI, ISTITUTI E LUOGHI DI CULTURA

      - sono CHIUSI i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura, comprese le biblioteche

      ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE E BAR

      - sono CONSENTITE LE ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE E BAR DALLE 6 ALLE 18, con OBBLIGO, A CARICO DEL GESTORE, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione. Potranno rimanere aperte dopo le 18,00 solo le attività di servizio da asporto e domicilio nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

      ALTRE ATTIVITÀ COMMERCIALI

      - sono CONSENTITE le attività commerciali diverse da quelle di cui sopra A CONDIZIONE CHE IL GESTORE GARANTISCA un accesso con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione.

      In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse

      SUPERMERCATI, CENTRI COMMERCIALI E MERCATI

      - NELLE GIORNATE FESTIVE E PREFESTIVE SONO CHIUSE le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati. Nei giorni feriali, il gestore deve comunque predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro le strutture dovranno essere chiuse.

      - La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui gestore è chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione

      PARRUCCHIERI, ESTETISTE, TATUATORI

      - nell’esercizio delle attività “Servizi di saloni di barbiere e parrucchiere”, “Servizi di istituti di bellezza”, “Servizi di manicure e pedicure”, “Attività di tatuaggio e piercing” gli addetti impegnati nel servizio a contatto con i clienti DEVONO indossare una mascherina e guanti monouso, lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro

      TAXISTI E AUTISTI DI MEZZI A NOLEGGIO CON CONDUCENTE

      - DEVONO indossare mascherina e guanti e si raccomanda loro di eseguire con regolarità sanificazioni del veicolo (dall’11 marzo al 3 aprile)

      PALESTRE, PISCINE, CENTRI BENESSERE, CENTRI SOCIALI E CENTRI DIURNI

      - sono SOSPESE le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi. Al fine di prevenire ancor più efficacemente il rischio di contagio nella popolazione anziana e dei disabili, è disposta la sospensione dell’attività dei centri semiresidenziali per anziani e per disabili (centri diurni) e dei centri socio-occupazionali per disabili su tutto il territorio regionale incentivando, dove possibile, percorsi di domiciliarità.

      RIUNIONI

      - sono adottate, in tutti i casi possibili, nello svolgimento di riunioni, modalità di collegamento da remoto con particolare riferimento a strutture sanitarie e sociosanitarie, servizi di pubblica utilità e coordinamenti attivati nell'ambito dell'emergenza, comunque garantendo il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro ed evitando assembramenti

      CONCORSI

      - sono SOSPESE le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica; sono inoltre esclusi dalla sospensione i concorsi per il personale sanitario, ivi compresi gli esami di Stato e di abilitazione all'esercizio della professione di medico chirurgo, e quelli per il personale della protezione civile, i quali devono svolgersi preferibilmente con modalità a distanza o, in caso contrario, garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro

      Il testo completo del decreto è scaricabile qui di seguito, così come il modulo di autocertificazione per documentare la necessità dei propri spostamenti.

      Allegati e Link

      DPCM 9 marzo 2020.pdf (pdf - 160,31 kB)

      Ordinanza Regionale 10/03/2020

      AUTOCERTIFICAZIONE CORONAVIRUS.pdf (pdf - 76,22 kB)

      Domande frequenti

       

       

      Aggiornamento del 9 marzo 

      In data 8 marzo 2020 il Governo ha emanato un nuovo decreto e la Regione Emilia Romagna  una nuova ordinanza regionale, al fine di contenere e gestire l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

       
      Ricordando che sul nostro territorio resta vigente anche l'ORDINANZA COMUNALE N. 1 DEL 5 MARZO 2020, comunichiamo che l'ordinanza regionale prevede anche le seguenti misure che si applicano anche al nostro territorio:
      Per servizi di saloni di barbiere e parrucchiere, i servizi di istituti di bellezza, i servizi di manicure e pedicure, attività di tatuaggio e piercing, gli addetti impegnati nel servizio a contatto con i clienti devono indossare una mascherina guanti monouso, lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro.  

       





      Ordinanza del Presidente della Regione Emilia-Romagna: sospesa l'attività di piscine, palestre, centri ricreativi e diurni in tutto il territorio regionale

      - Sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi. 
      Queste attività, alle quali si aggiungono i centri diurni, vengono sospese nell’intero territorio regionale, sulla base dell’ordinanza del presidente Bonaccini.


      - Eventi e competizioni sportive solo a porte chiuse
      Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Resta comunque consentito lo svolgimento di tali eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, o all'aperto senza la presenza di pubblico.
      In ogni caso, le associazioni e le società sportive, attraverso il proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID- 19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano.

       

       

       

       

      link al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020
       

       
       

      Pubblicato il 
      Aggiornato il